scenari energetici
la fusione stellare
ignitor
::: sei in IGNITOR > Ignitor

PREMESSA


Il progetto Ignitor è stato concepito per produrre energia elettrica attraverso quella che in termini evocativi viene detta fusione stellare; evocativi perché intorno al 1930 l’astrofisico Arthur Eddington congetturò che il sole e le altre stelle producessero energia attraverso un fenomeno di nucleo sintesi, detto appunto fusione stellare.
Come sappiamo il padre di Ignitor è il professor Bruno Coppi.
È grazie a lui che l’Italia ha voce in capitolo nella fusione stellare.
Bruno Coppi iniziò la sua avventura nel 1970 quando il governo americano autorizzò la costruzione di Alcator, il progenitore di Ignitor, ideato e progettato anch’esso da Bruno Coppi
Ignitor ha dunque una lunga storia, anno dopo anno, pur nella insufficienza e discontinuità dei finanziamenti, Coppi è riuscito a creare un team di ricercatori sempre più qualificato e numeroso e così, passo dopo passo, il progetto Ignitor è arrivato all’attuale stato di avanzamento, quello che potremmo chiamare il momento della verità.
Infatti l’obiettivo attuale è quello di realizzare la fusione stellare controllata e, a seguire, la produzione di energia elettrica.